CONCORSO LEARN BY WRITING: PRIDE

Chiunque di voi ha visto film tratti da storie realmente accadute, anche senza saperlo, ma in Pride la realtà sembra essere falsata da una sensazione di positività e calore a cui non sembriamo più abituati. Ovviamente il dramma c’è, altrimenti non sarebbe davvero una storia vera, ma al dramma segue sempre l’amore e l’amicizia, e anche la giustizia“.

Questo è il commento al film PRIDE lasciato dai ragazzi di Queer as Unict, che insieme ad Aegee, Gold Elephant World Festival e i messaggeri della #ioleggoperché, hanno contribuito a rendere l’inaugurazione della rassegna un evento memorabile, nel quale condividere insieme la passione per la cultura. Entrambe le proiezioni di PRIDE si sono concluse con un sincero applauso, per cui deduciamo che la scelta di aprire con il film di Matthew Warchus sia stata accolta più che positivamente.
Adesso però vogliamo sentire la vostra opinione: diamo quindi inizio al contest Learn by writing, lasciate una brevissima recensione al film sul nostro blog wordpress, oppure potete anche pubblicarlo sulla nostra pagina facebook commentando il link a questo post.
Vi ricordiamo che si procederà così per tutti i film in programma all’Odeon. Il 1 giugno sceglieremo i due commenti più belli, gli autori riceveranno biglietti gratuiti per i cinema Odeon e Alfieri, un abbonamento a Magma – Mostra di cinema breve e un cofanetto di dvd del regista Giuseppe Tornatore.
Vi lasciamo la parola, ora tocca a voi. Si dia inizio alle danze!

Annunci

2 risposte a "CONCORSO LEARN BY WRITING: PRIDE"

  1. “Pride” è un film che riesce a raccontare in maniera quasi leggera eventi drammatici, divertendoti e commuovendoti allo stesso tempo. Le note di “Bread and roses” e “Shame shame shame” segnano due momenti indimenticabili. Ma soprattutto poterlo vedere nella suggestiva cornice del Learn by Movies non ha prezzo.

    Piace a 1 persona

  2. Io non mi considero razzista ma quelli che non riesco proprio a tollerare sono gli omofobi, ancora non so quali siano peggio: quelli che trattano gli omosessuali con disprezzo e stanno loro a debita distanza come se fossero affetti da lebbra o da qualche altra terribile malattia contagiosa oppure quelli che addirittura si permettono di picchiarli senza motivo. Gli omofobi ( almeno secondo il mio modesto parere ) hanno il cervello più piccolo di quello delle galline perché non capiscono che siamo tutti uguali, anzi spesso gli omosessuali sono migliori per certi aspetti, molto più brillanti, spontanei e sensibili di noi cosiddetti “normali”. Io ormai da parecchi anni ho alcuni amici gay e loro sono dei veri e propri artisti quindi so di cosa parlo ed un esempio nel film “Pride”è l’esibizione di Jonathan Blake. Detto ciò “Pride” di Matthew Warchus è un film di solidarietà, a tratti “leggero” , che descrive perfettamente una problematica purtroppo tuttora esistente in alcune parti del pianeta e vari argomenti fondamentali per la crescita personale di ogni singolo individuo e per questo motivo lo consiglio assolutamente a tutti!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...